DODICI CONTRO GLI DèI

WILLIAM BOLITHO

€ 30,00

ISBN:

Casa Editrice:

Collana:

Formato:

Pagine:

Lingua:

Anno Pubblicazione:

Stato:

Si trova in:

"Gli uomini giocano a mosca cieca con un fazzoletto sugli occhi, e finiscono per inciampare. Einvisibile appartiene agli spiriti superiori. E agli avventurieri". Che cosa hanno in comune Alessandro Magno, Casanova, Maometto, Napoleone Bonaparte, Isadora Duncan, Cagliostro, Catilina e altri grandi personaggi all'apparenza così diversi? Un filo misterioso percorre tutte le loro storie, indipendentemente dal fatto che ognuno di loro abbia votato se stesso a conquistare o espandere imperi, a fomentare rivoluzioni, a fondare religioni o a truffare le corti di mezza Europa. E quel filo è l'avventura. William Bolitho, peculiare figura di outsider della letteratura del primo Novecento, con Dodici contro gli Dèi racconta le azioni di "uomini e donne il cui destino fu più grande del nostro"; così, a partire da Alessandro Magno ("in lui, più che in ogni altro, sono racchiusi i segreti che accomunano tutti gli avventurieri"), Casanova ("forse l'unico grande avventuriero che sia riuscito a sfuggire a una falsa rappresentazione di se stesso"), passando per Cristoforo Colombo ("l'avventuriero più fortunato e venerato dell'intero lotto"), Carlo XII, Napoleone e gli altri protagonisti di questo straordinario libro, conduce il lettore in un affascinante percorso sulle tracce dell'Avventura, divinità assoluta e puro antidoto contro l'irragionevolezza dell'uomo comune, "che sente cosa è meglio ma fa cosa è peggio, che respinge ciò che desidera e sceglie ciò che Io disgusta". Perché, come afferma Bolitho, nel corteggiamento dell'ignoto, nella sfida al destino, ieri come oggi "l'avventura esiste ancora".

Condividi il libro

Iscriviti alla Newsletter

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOSTRE NOVITÀ. PROMOZIONI, EVENTI E TANTO ALTRO!