UNA MASCHERA PER VIVERE

SALVATORE BUCCAFUSCA

€ 12,75
€ 15,00 - 15 %

ISBN:

Casa Editrice:

Formato:

Pagine:

Lingua:

Anno Pubblicazione:

Stato:

Si trova in:

ALVO BUCCAFUSCA, oggi imprenditore da tempo è impegnato nel mondo del Teatro Sociale. In tale ambito si è proposto come coautore di testi dedicati al delicato tema dello stragismo (con lo spettacolo "Alle due i monaci tornano in convento", rappresentato in anteprima nazionale al Teatro Parioli e poi in decine di città italiane, con un riferimento specifico al ruolo dell'ala estrema dei Corleonesi nell'omicidio del Giudice Falcone) e alla complessa serie di avvenimenti che fanno pensare ai Servizi Segreti deviati ("La verità nell'ombra" in collaborazione con lo scrittore Patrizio Pacioni sulla strage di Portella della Ginestra, sulla morte di Salvatore Giuliano e sul ruolo ambiguo di Gaspare Pisciotta e "19+1" impostato dall'autore Patrizio Pacioni sulla "strana fine" della motonave Hedia e del presidente dell'ENI, Enrico Mattei. Di questa opera ha scritto la traduzione drammaturgica. Entrambi gli spettacoli sono stati rappresentati in anteprima presso il Teatro Golden di Roma e in molti altri Teatri e Università Italiane). Attore in altre rappresentazioni teatrali ("La fine all'alba", "Lungo le strade di Glnsberg", "Roma la Capitale", in cui ha interpretato il ruolo di Pippo Calò, il referente di Cosa Nostra nei rapporti con la Banda della Magliana, "Bazar", "L'ultima canzone" in cui ha incarnato il ruolo di Osvaldo Pugliese, il più grande maestro nella storia del tango). Salvo Buccafusca è stato per molti anni, anche scenografo della Compagnia Stabile Assai, uno dei più noti gruppi di teatro sociale della scena nazionale, di cui rappresenta un sicuro storico riferimento identificativo.

Condividi il libro

Iscriviti alla Newsletter

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOSTRE NOVITÀ. PROMOZIONI, EVENTI E TANTO ALTRO!