IL ROMANZO DEL VERBO GRECO

GIUSEPPE GERMINARIO

€ 15,00

ISBN:

Casa Editrice:

Formato:

Pagine:

Lingua:

Anno Pubblicazione:

Stato:

Si trova in:

Come l'uomo ha seguito un processo evolutivo dall'uomo di Neandertal all'homo sapiens sapiens" di cui noi siamo l'ultimo anello della specie, così il suo linguaggio, partendo dalla imitazione di cinguettii, vocali, voci della natura, sonanti e consonanti, si è agglomerato in gruppi radicali per esprimere contènuti complessi, quindi, in particolar modo, nella lingua greca antica si è arricchito di prefissi, suffissi, aumenti, raddoppiamenti, caratteristiche modali, temporali, incoative, diatesi, desinenze che imprimevano alla comunicazione contenuti sempre più ampi e complessi, specifici e utili alla convivenza umana. Anche le radici subivano adattamenti significativi attraverso la gradazione vocalica e si facevano portatori di sostantivi deverbativi, di aggettivi, di avverbi ecc. In questo lavoro si segue tale processo fino a valorizzare le diverse funzioni. Partendo dal l'assunto che la scuola dovrebbe essere l' istituzione privilegiata per formare il cittadino che guidi la società nel suo complesso a ripensarsi, ad assumersi l'onere di un cambiamento radicale affinché l'uomo consegua un benessere psico-fisico foriero di ulteriori processi, si passano in rassegna contenuti che possiamo definire funzionali all'obiettivo: sono progetti e programmi, riflessioni etimologiche e storiografiche, considerazioni che toccano le vicende di questi ultimi cinquanta anni di storia della scuola italiana. La definizione di scritti "più o meno stravaganti" é addebitabile a un certo pessimismo della ragione rispetto alla realizzabilità del progetto complessivo, parallelamente a un ottimismo della volontà, di cui l'uomo non può fare a meno, se vuole assumere la dignità di uomo: alcune scelte sono inevitabili, ma temo che difficilmente saranno attuate.

Condividi il libro

Iscriviti alla Newsletter

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOSTRE NOVITÀ. PROMOZIONI, EVENTI E TANTO ALTRO!