IL SUPERSTITE

MASSIMILIANO GOVERNI

€ 11,90
€ 14,00 - 15 %

ISBN:

Casa Editrice:

Collana:

Formato:

Pagine:

Lingua:

Anno Pubblicazione:

Stato:

Si trova in:

Il terribile massacro di un’intera famiglia in un piccolo paese italiano, quasi invisibile sulle carte. Immediata l’analogia con il caso della famiglia Clutter raccontato da Truman Capote in A sangue freddo. Alla carneficina è scampato solo un terzo figlio che, sposato da poco, vive nella casa accanto. L’assassino è stato catturato, è un nomade slavo. Il processo si svolge in Serbia e il Superstite chiede a un giornalista che ha seguito la vicenda dall’inizio con accuratezza, di accompagnarlo. Il giudice condanna lo slavo a soli 15 anni di carcere, e la moglie del Superstite decide di trasferirsi in America, in Arkansas, con la figlia di sette anni. Il marito comunica con loro via Skype. Dopo un altro processo e la definitiva condanna a morte commutata in carcere a vita, sembra che un qualche male abbia ucciso lo slavo. Il Superstite torna in Serbia per visitarne la tomba; lì trova una croce posticcia e accanto un fiore giallo. Non crede alla sua morte, quella tomba gli fa venire in mente “un nascondiglio di una notte, un nascondiglio abbandonato”. Il suo tormento pare non avere mai fine. Nel libro i fatti non sembrano scritti ma sembrano accadere pagina dopo pagina, minacciosi, illuminati da frasi acuminate e concrete come oggetti di morte.

Condividi il libro

Iscriviti alla Newsletter

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOSTRE NOVITÀ. PROMOZIONI, EVENTI E TANTO ALTRO!