LE NUOVE POVERTA'

ZYGMUNT BAUMAN

€ 14,88
€ 17,50 - 15 %

ISBN:

Casa Editrice:

Collana:

Formato:

Pagine:

Lingua:

Anno Pubblicazione:

Stato:

Si trova in:

La povertà esisterà sempre: così vuole la saggezza popolare, che però non si chiede mai perché si diventa poveri o si è considerati tali e in qual misura ciò dipende dal modo in cui la gente comune — né ricca né povera — vive la propria esistenza quotidiana e apprezza o disapprova il modo in cui la vivono altri. Questa è una deplorevole omissione. Una cosa è essere poveri in una società di produttori e in piena occupazione; ben altra cosa è essere poveri in una società consu-mistica, in cui i progetti di vita si costruiscono più sulla base delle scelte del consumatore che sul lavoro, sulle competenze professionali o sugli impieghi. Se un tempo la povertà era legata alla disoccupazione, oggi invece è legata anzitutto ai livelli di consumo. Ciò sortisce un significativo effetto nel modo in cui la povertà viene sperimentata e sulle prospetti-ve per riscattarne la miseria. In questo libro Bauman traccia le linee del profondo cambiamento cui la storia contemporanea ha assistito e le sue conseguenze, cercando di far fronte alle nuove sfide sociali (welfare, occu-pazione, marginalità, ecc.) sulla base di un nuovo sguardo etico. ZYGMUNT BAUMAN (Poznaà, 1925 - Leeds, 2017) Sociologo e filosofo polacco di origine ebraica, dopo l'invasione nazista si rifugiò in Unio-ne Sovietica, cla cui dovette emigrare di nuovo per via delle purghe antisemite. Dal 1971 al 1990 ha insegnato Sociologia all'Università di Leeds. Nella sua vasta produzione ha sviluppato soprattutto il rapporto fra modernità e totalitarismo (in particolare la Shoah) e fra moderno e postmoderno, coniando il nuovo concetto di «società liquida». Castel-vecchi ha già pubblicato Scrivere il futuro (2016). Meglio essere Miei e La libertà (2017).

Condividi il libro

Iscriviti alla Newsletter

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOSTRE NOVITÀ. PROMOZIONI, EVENTI E TANTO ALTRO!